Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR

Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione

Stampa

Dieta secondo la Medicina Ayurvedica

Dal momento che il cibo di cui ci nutriamo diventa parte di noi e qualunque cosa venga consumata in forma di cibo, aria e acqua ha un effetto sottile sulla salute del nostro organismo, ne risulta che per avere un corpo sano e una mente calma ed equilibrata, abbiamo bisogno di cibo della stessa natura e di preparalo in modo da preservare tali proprietà.

E’ importante considerare la Forza Vitale (Prana o Energia) di cui sono ricchi gli alimenti freschi e gli ortaggi coltivati con metodi naturali, mentre alimenti surgelati e inorganici oppure ortaggi coltivati artificialmente hanno una scarsa forza pranica.

L’antica medicina indiana dell’Ayurveda si basa sulla profonda conoscenza del corpo, e della sua relazione con la mente e con lo spirito. Considera quindi la salute come uno stato di equilibrio, nel quale i fattori psicologici ed ambientali hanno la stessa importanza di quelli fisici.

Tutta l’Ayurveda è basata su tre Dosha (tipologie o principi): Vata (l’aria), Pitta (il fuoco) e Kapha (l’acqua). Le costituzioni, le patologie, i cibi, sono considerati e suddivisi in base a questi tre principi. In sintesi ecco le tre principali tipologie:

Persone VATA: snelle, pelle secca e tratti, articolazioni e vene prominenti, rapidità di pensiero e azione, vivaci, creative, fantasiose, flessibili, con abitudini alimentari e di sonno irregolari. Soggette ad ansia, disturbi nervosi, insonnia, paure, vuoti di memoria, preoccupazioni, problemi digestivi, stipsi. Un individuo Vata (aria-etere/spazio) ha problemi di gas intestinali, e ciò dimostra che Vata è tipicamente connesso all’aria. Essa è sottile, penetrante e leggera così come lo è questo tipo corporeo.

Persone PITTA: statura media, muscolose, capelli chiari, intelligenti, determinate, ben organizzate, buoni leader, coraggiose, ambiziose, ma perdono facilmente la pazienza. Soggette ad irritabilità, aggressività, ulcere, acne, emorroidi, hanno la tendenza a strafare. Un individuo Pitta (acqua-fuoco) tende ad avere caldo, rendendo palese il suo fuoco, e suda facilmente, mettendo in evidenza che anche l’acqua è presente in Pitta.Il fuoco è aggressivo, energico e mobile come lo è questo tipo corporeo.

Persone KAPHA: corporatura pesante, forte, pelle untuosa, carattere calmo, leale, gentile, mangiano lentamente, dormono profondamente, tolleranti, sanno perdonare, ma possono essere avide e gelose. Soggette a sovrappeso, ostinazione, pigrizia, depressione, attaccamenti, allergie, ipercolesterolemia. L’individuo Kapha (acqua-terra) è tipicamente “piantato per terra” e soggetto a congestioni toraciche, sinusiti e altri problemi delle mucose, direttamente connessi alla presenza di troppa acqua. Acqua e terra insieme sono indolenti, viscose e a metà fra il solido e il liquido, proprio come lo è questo tipo corporeo.

Avete individuato la vostra tipologia? Esistono ovviamente anche le combinazioni tra questi dosha, troviamo quindi persone VataPitta, PittaKapha, KaphaVata. Ora andiamo a vedere nel dettaglio quali sono le diete tipo per i Vata, per i Pitta e per i Kapha; quindi vedremo quale cibo farà bene ad un dosha e quale invece gli farà meno bene, al fine di alimentarsi nel rispetto della propria tipologia di persona.

Supponiamo che due persone mangino durante un pranzo le stesse cose: insalata dello chef, tè freddo e sorbetto al limone. Se una delle due persone è un tipo Pitta, questa è un’ottima scelta perchè i gusti dolci e il freddo del cibo aiutano a pacificare e a riportare in equilibrio il dosha Pitta. Ma se l’altra persona è Vata, la sua scelta è pessima. Verdura cruda, specialmente quella amara, bevande fredde e assenza di cibo solido mandano Vata fuori equilibrio. Alla fine del pasto i due si sentiranno in modo completamente diverso, pur avendo mangiato le stesse cose: il tipo Pitta si sentirà rinfrescato e borioso, mentre il tipo Vata sarà insoddisfatto e privo di energia.  Ecco perchè è importante scegliersi cosa mettere sotto i denti in base alla propria costituzione individuale.

Dieta per VATA: cibi “caldi”. Frutta molto matura e non acerba; frutta secca reidratata e parecchie mandorle, ma senza la pelle. Verdure soprattutto cotte, evitare: peperoni, funghi, pomodori, cavoli, melanzane. Cereali: riso basmati o integrale, frumento e avena. Leguminose: poche e comunque le più digeribili gli risultano fagioli neri, piselli freschi, lenticchie nere e rosse sempre condite con spezie. Miele ma non zucchero. Le persone di costituzione vata soffrono il freddo e perciò hanno bisogno di consumare pasti caldi e stare al caldo, questo inoltre porta ad accentuare i disturbi soprattutto nella stagione autunnale e invernale quando il freddo inibisce il naturale flusso di movimento. Ricordiamo che vata è freddo, secco, leggero, e ciascuna di queste qualità in eccesso può squilibrarlo, mentre i suoi opposti possono calmarlo e i sapori che lo alleviano sono quelli salato, aspro, dolce.

Dieta per PITTA: cibi “freddi”. Frutta dolce a volontà, evitare quella acerba e acida (agrumi); semi di zucca e girasole, no mandorle. Verdura cruda a volontà evitando l’acidità (pomodori) e il pungente (ravanelli, cren, aglio…). Cereali: orzo, avena, frumento, segale, mais. Leguminose: non in eccesso e soprattutto lenticchie nere, ceci e tofu. Formaggi, latte ma non yogurt. Zucchero di canna ma non miele. Gli oli, le spezie, il sale e l’alcol così come il troppo sole e i bagni caldi, sono molto dannosi perché aggravano Pitta. La dieta adatta comprende frutta e verdura fresca, facendo però attenzione ad evitare i pomodori che sono riscaldanti. Ricordiamo che Pitta è caldo, leggermente oleoso, liquido, fluido, e i gusti dolci, amari e astringenti lo alleviano in quanto non contengono l’elemento fuoco.

Dieta per KAPHA: cibi “leggeri e asciutti”. Frutta: frutta secca con moderazione, uvetta, prugne, mele e melograno. Verdure: tutte ad eccezione di patate e pomodori. Cereali: grano saraceno, miglio e orzo. Leguminose: tutte ma evitare la soia. Latte di capra ma non di mucca, evitare formaggi, burro e gelati. Miele vecchio di almeno 6 mesi. Gli attributi di Kapha sono freddo, pesante, umido, liscio e morbido, quindi per bilanciarlo, sono necessarie sostanze che abbiano qualità opposte ossia caldo, leggero, secco e ruvido. Kapha Dosha è alleviato dai cibi dai gusti pungente, amaro ed astringente che non contengono l’elemento terra, ed è pacificato dai cibi caldi. É indispensabile adottare una dieta a basso contenuto di grassi, equilibrandola con l’uso delle spezie adatte. Ad esempio, sebbene il latte aggravi Kapha, se consumato caldo e con l’aggiunta di spezie, è benefico. Si può far bollire il latte per 10 minuti con l’aggiunta di zenzero in polvere o cardamomo, ed ottenere una gradevole bevanda calda.

TwitterLinkedin