Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR

Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione

Stampa

Zucchero tossico

Un recente articolo della prestigiosa rivista Nature, spiega che lo zucchero, in particolare il fruttosio, ampiamente disponibile in bibite e altri prodotti alimentari trasformati è responsabile di molte gravi malattie, come malattie cardiache, cancro, diabete, obesità e insufficienza epatica acuta. Uno dei motivi che contribuiscono a queste patologie, è che il fruttosio ed altre sostanze ad alto contenuto calorico, come l’alcool, non possono essere direttamente utilizzate dai tessuti del corpo e quindi devono essere metabolizzati dal fegato, dove generano tossine e portano il nostro organismo sulla via del diabete. Inoltre, il fruttosio interferisce con il senso di sazietà e si tende ad ingerire un eccesso di calorie. Questo travolge il fegato, che deve poi convertire l'overdose di zucchero in grasso, il ché danneggia il fegato e potrebbe portare al diabete. Quindi gli zuccheri come il fruttosio, quando aggiunti agli alimenti trasformati, hanno gli stessi effetti tossici dell’alcool. Anche i non-obesi sono soggetti alla "sindrome metabolica", in cui il fruttosio induce ipertensione, malattie cardiovascolari, insulino-resistenza e danni alle molecole biologiche come le proteine e i lipidi.


Le bibite che contengono principalmente zucchero, come ad esempio le bevande gassate e i succhi di frutta filtrati, non hanno abbastanza nutrienti per mantenere il corpo sano e privo di patologie. Essi forniscono calorie senza però i nutrienti essenziali che si trovano invece nel frutto intero. Queste calorie "vuote" quindi sostituiscono gli altri alimenti come i cereali integrali, la frutta e la verdura che sono la principale fonte di nutrienti essenziali. Ma l’aggiunta di zuccheri, non è limitata soltanto alle bevande analcoliche. L’aggiunta di fruttosio, come lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, o soltanto lo zucchero normale (saccarosio, che è 50% di glucosio e 50% fruttosio), si trova in una grande varietà di alimenti trasformati come i cereali per la colazione, succhi, gelatine e marmellate, caramelle, prodotti da forno, salse, dolci e persino nei cibi già pronti e nella carne lavorata. Il fruttosio ha un sapore dolce ma non soddisfa la fame come fanno i cibi più nutrienti.

L'alto contenuto di fruttosio aggiunto nei prodotti alimentari trasformati, porta dipendenza in modo simile all’alcool, soprattutto nei bambini piccoli. Questo ha causato un’epidemia di obesità nei bambini e negli adulti. Inoltre, la metabolizzazione del fruttosio nel fegato è simile a quella dell’alcool perché tende a sconvolgere il metabolismo del glucosio, generando grasso e causando resistenza all'insulina, che porta quindi all’infiammazione e alla degenerazione del fegato e a molti altri problemi [4]. Nel complesso, questo modello alimentare, che causa sovraccarico di fruttosio nel nostro corpo, è un circolo vizioso che porta a carenze diffuse di nutrienti come vitamine e minerali essenziali, insieme al danno e all’infiammazione in tutto il corpo. Questo circolo vizioso di dipendenza da zucchero, coerente con la "sindrome metabolica", è in gran parte responsabile dell’elevato tasso di mortalità portato dalla dieta moderna.

Se la dieta moderna potesse essere modificata in modo da soddisfare la fame senza calorie in eccesso, contenendo una percentuale maggiore di nutrienti essenziali, l'epidemia delle malattie provocate dai zuccheri aggiunti potrebbe essere evitata. Quando ingerito con la frutta, il fruttosio è meno dannoso perché viene assorbito lentamente dall'intestino e soprattutto è accompagnato da nutrienti essenziali. Integratori di nutrienti essenziali possono aiutare, ma solo se le informazioni in merito ai dosaggi adeguati e ai loro benefici vengono resi ampiamente disponibili. Alcuni esempi sono gli integratori di vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina C, vitamina E, magnesio, i grassi essenziali omega 3 e 6, che nelle forme e nelle dosi adeguate possono aiutare a prevenire carenze alimentari che causano malattie cardiache, cancro e diabete. Altre scelte di vita possono aiutare, ad esempio, ridurre le calorie totali, aumentando l’assunzione di fibre e più esercizio fisico. Ma i benefici di queste scelte sane non hanno convinto il consumatore moderno. La massiccia spinta commerciale di bibite contribuisce al problema.

Per risolvere il problema di sovra consumo di zucchero, è stato proposto di applicare regole come per l’alcol e il tabacco. L'obiettivo sarebbe quello di cambiare le abitudini per ridurre i consumi. Molte scuole hanno già vietato la vendita di bibite gassate, ma le hanno sostituite con succhi di frutta o bevande artificiali che contengono sempre zuccheri aggiunti. Secondo questa proposta, potrebbero essere limitate le vendite di bevande zuccherate e cibi elaborati con aggiunta di zucchero nei distributori automatici delle scuole o in altri posti durante l'orario scolastico. Porre dei limiti di età per la vendita di alimenti zuccherati nei negozi potrebbe essere d’aiuto. Un limite o divieto di pubblicità dei prodotti con aggiunta di zucchero negli spot televisivi potrebbe anche essere utile. Una tassa sullo zucchero, specialmente per lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, potrebbe essere utilizzata per finanziare la ricerca sulle sostanze nutritive essenziali e per pubblicizzare i loro benefici. L'idea alla base di tale regolamento sarebbe quella di convincere i consumatori, in particolare i bambini, a consumare meno zucchero e più nutrienti . Questo porterebbe un grande beneficio alla salute pubblica.

Si è sostenuto che una simile regolamentazione sull’alcol sarebbe stata accettata perché avrebbe mantenuto il consumo di alcol sotto controllo. Ad esempio, il cambiamento di ciò che veniva considerato un comportamento comunemente accettato, ha avuto successo in altri ambiti sociali, come il divieto di fumare nei luoghi pubblici, il guidatore prestabilito che non beve alcool e l'inserimento degli airbag nelle automobili. Per alcuni, un simile tipo di regolamentazione governativa sullo zucchero sembrerebbe giustificata dal fatto che al costo di una certa perdita di libertà personale si potrebbe migliorare la salute e dare un taglio all'epidemia di malattie non-infettive.

D'altra parte però, molte persone vedono questa tassazione sullo zucchero e sugli alimenti che contengono zuccheri aggiunti, come ripugnante e draconiana. Dopo tutto, anche se provoca dipendenza, lo zucchero non porta al pericolo di essere ubriaco in autostrada e non presenta un pericolo imminente per la salute paragonabile al fumo. E' più insidioso. Lo zucchero ha fatto a lungo parte delle abitudini alimentari di molte culture. Pertanto, qualsiasi regolamentazione governativa sul cibo si troverà davanti a molti critici che spiegheranno perché tale regolamentazione sarebbe inefficace e, inoltre che dovremmo essere in grado di acquistare e mangiare qualsiasi cibo secondo le nostre preferenze.

Il problema di fondo in questo dibattito è il libero accesso del consumatore alle informazioni sulla nutrizione. Se i danni che ha provocato l'aggiunta di fruttosio alla nostra salute potessero essere resi noti, insieme alle informazioni sulle alternative sane a basso costo e facilmente disponibili, si potrebbero migliorare le condizioni di salute di milioni di persone. Porterebbe il consumatore a prendere in considerazione altre opzioni, come ad esempio succhi vegetali o un bicchiere d'acqua, insieme ad alimenti con nutrienti non lavorati e vitamine in dosi adeguate. Ciò che serve è una campagna che fornisca informazioni pratiche sulla dieta: quali sono i nutrienti di cui abbiamo bisogno, come determinare le dosi adeguate e i pericoli di una dieta fatta di cibi lavorati. Ciò potrebbe includere spot pubblicitari e programmi sulla salute, nonché programmi di studio che vanno dalla scuola elementare all’università. Si potrebbe anche includere un'etichettatura più informativa circa il contenuto nutrizionale degli alimenti, così come “cibo più sano e gustoso” servito nei ristoranti e nelle sale da pranzo. Le esigenze del mercato potrebbero quindi portare le aziende alimentari a vendere cibo più sano con dosi minime di zucchero aggiunto e un adeguato contenuto di nutrienti essenziali. La medicina ortomolecolare, la pratica per trattare la malattia fornendo sufficienti dosi di sostanze nutritive essenziali per evitare carenze, può contribuire a fornire queste informazioni [5-8]. Possiamo tutti diventare più sani rinunciando agli zuccheri in eccesso e ai prodotti alimentari trasformati che non dispongono di nutrienti essenziali. E quando questo è impossibile, dobbiamo essere comunque in grado di integrare la nostra alimentazione con nutrienti essenziali per prevenire epidemie di obesità, malattie cardiovascolari, diabete e cancro.

(Dr. Robert G. Smith è professore associato di ricerca presso il Dipartimento di Neuroscienze, Università di Pennsylvania. E' autore di numerose pubblicazioni scientifiche e di un prossimo libro, The Vitamin Cure for Eye Disease.)

Riferimenti:

1. Lustig RH, Schmidt LA, Brindis CD (2012) The toxic truth about sugar. Nature 482:27-29.
2. Jacobson MF (2005) Liquid candy: how soft drinks are harming Americans' health. Center for Science in the Public Interest.http://www.cspinet.org/new/pdf/liquid_candy_final_w_new_supplement.pdfhttp://www.previewshots.com/images/v1.3/t.gif.

3. Bremer AA, Mietus-Snyder M, Lustig RH. (2012) Toward a Unifying Hypothesis of Metabolic Syndrome. Pediatrics. 129:557-570

4. Lustig RH. (2010) Fructose: metabolic, hedonic, and societal parallels with ethanol. J Am Diet Assoc. 110:1307-1321.

5. Brighthope IE (2012) The Vitamin Cure for Diabetes: Prevent and Treat Diabetes Using Nutrition and Vitamin Supplementation. Basic Health Publications. ISBN-13: 978-1591202905.
6. Roberts H, Hickey S (2011) The Vitamin Cure for Heart Disease: How to Prevent and Treat Heart Disease Using Nutrition and Vitamin Supplementation. Basic Health Publications. ISBN-13: 978-1591202646.
7. Hoffer A, Saul AW (2008) Orthomolecular Medicine For Everyone: Megavitamin Therapeutics for Families and Physicians. Basic Health Publications. ISBN13: 9781591202264.
8. Hoffer A, Saul AW, Foster HD (2012) Niacin: The Real Story: Learn about the Wonderful Healing Properties of Niacin. Basic Health Publications ISBN-13: 978-1591202752

Medicina nutrizionale è medicina ortomolecolare: http://www.orthomolecular.orghttp://www.previewshots.com/images/v1.3/t.gif

To locate an orthomolecular physician near you: http://orthomolecular.org/resources/omns/v06n09.shtmlhttp://www.previewshots.com/images/v1.3/t.gif

The peer-reviewed Orthomolecular Medicine News Service is a non-profit and non-commercial informational resource.

Editorial Review Board: Ian Brighthope, M.D. (Australia), Ralph K. Campbell, M.D. (USA), Carolyn Dean, M.D., N.D. (USA),Damien Downing, M.D. (United Kingdom), Dean Elledge, D.D.S., M.S. (USA), Michael Ellis, M.D. (Australia), Martin P. Gallagher, M.D., D.C. (USA), Michael Gonzalez, D.Sc., Ph.D. (Puerto Rico), William B. Grant, Ph.D. (USA), Steve Hickey, Ph.D. (United Kingdom), James A. Jackson, Ph.D. (USA), Michael Janson, M.D. (USA), Robert E. Jenkins, D.C. (USA), Bo H. Jonsson, M.D., Ph.D. (Sweden), Thomas Levy, M.D., J.D. (USA), Stuart Lindsey, Pharm.D. (USA), Jorge R. Miranda-Massari, Pharm.D. (Puerto Rico), Karin Munsterhjelm-Ahumada, M.D. (Finland), Erik Paterson, M.D. (Canada), W. Todd Penberthy, Ph.D. (USA), Gert E. Schuitemaker, Ph.D. (Netherlands), Robert G. Smith, Ph.D. (USA), Jagan Nathan Vamanan, M.D. (India)

Andrew W. Saul, Ph.D. (USA), Editor and contact person.
Lo zucchero potrebbe farci diventare "stupidi"

Un nuovo studio dalla University of California - Los Angeles indica che un alto contenuto di fruttosio nella dieta peggiora l’apprendimento e la memoria nei ratti. Lo studio, pubblicato sul Journal of Physiology, mostra anche come gli acidi grassi omega-3 sono in grado di contrastarne gli effetti.
"I nostri risultati dimostrano che ciò che si mangia influenza il modo di pensare", ha detto il Dott. Fernando Gomez - Pinilla, professore di neurochirurgia presso la David Geffen School of Medicine presso la UCLA e professore di biologia integrativa e fisiologia presso la Facoltà di Lettere e UCLA Scienza.
In precedenza veniva indicato il fruttosio come dannoso per il suo ruolo sul fegato, diabete, obesità e grassi, questo studio rivela come il dolcificante influenzi anche il cervello, secondo i ricercatori.


"Naturalmente, non stiamo parlando di fruttosio contenuto nella frutta, che contiene anche importanti antiossidanti", ha detto Gomez-Pinilla. "Siamo preoccupati dell’alto contenuto di fruttosio aggiunto ai prodotti alimentari lavorati come dolcificante e conservante."

Gomez-Pinilla ha studiato due gruppi di ratti che hanno consumato una soluzione di fruttosio come acqua potabile per sei settimane. Il secondo gruppo ha ricevuto anche omega-3 acidi grassi sotto forma di olio di semi di lino e acido docosaesaenoico (DHA), che protegge contro i danni alle sinapsi, i collegamenti chimici tra le cellule cerebrali che consentono la memoria e l'apprendimento.

"Il DHA è essenziale per la funzione sinaptica - la capacità delle cellule cerebrali per trasmettere segnali l'una all'altra". "Questo è il meccanismo che rende possibile l'apprendimento e la memoria. Il nostro corpo non può produrre abbastanza DHA, quindi deve essere integrato attraverso la nostra dieta."

Gli animali sono stati addestrati in un labirinto due volte al giorno per cinque giorni prima di iniziare la dieta sperimentale. Il team di ricerca ha testato con quale capacità i ratti sono stati in grado di percorrere il labirinto che conteneva numerosi fori, ma una sola uscita. Gli scienziati hanno messo dei punti di riferimento visivi nel labirinto per aiutare i ratti ad imparare e ricordare la strada.

Sei settimane più tardi, i ricercatori hanno testato la capacità dei ratti a recuperare la rotta e uscire dal labirinto.

"Il secondo gruppo di ratti ha percorso il labirinto molto più velocemente rispetto ai topi che non hanno assunto omega-3". "Gli animali privati del DHA erano più lenti, e il loro cervello ha mostrato un declino dell'attività sinaptica. Le loro cellule cerebrali avevano problemi di segnalazione tra di loro, interrompendo la capacità dei ratti di pensare con chiarezza e ricordare il percorso che avevano imparato sei settimane prima." Il nostro studio mostra che una dieta ad alto contenuto di fruttosio danneggia il cervello e il corpo."

Quindi, assumiamo meno fruttosio aggiunto oppure se non riusciamo a farlo, mangiamo insieme cibi ricchi di omega-3, come il salmone, noci e semi di lino.

Fonte: University of California-Los Angeles Scienze della Salute

TwitterLinkedin