Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR

Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione

Stampa

FARSI DA PARTE

Una cosa che prima o poi impariamo tutti, a nostre spese: mai cercare di aiutare qualcuno, a meno che non sia pronto ad essere aiutato. Finchè l'aiuto non viene richiesto, finché non c'è quella disposizione ad ascoltare e abbandonare i vecchi modelli di comportamento, i vostri tentativi di aiutare verranno percepiti come manipolazione e controllo - un problema vostro, un bisogno vostro, non loro. Si alzeranno le difese, le posizioni diverranno rigide, finirete per sentirvi frustrati o superiori o impotenti, e i ruoli di "vittima" e "salvatore", riflessi in uno specchio, vi faranno sentire più disconnessi che mai l'uno dall'altro.
Come aiutare davvero? Incontrateli nel luogo in cui si trovano, proprio adesso. Abbandonate il sogno della loro immediata guarigione. Rallentate. Riconoscete la loro esperienza presente. Non cercate di imporre i vostri programmi, non date per scontato cosa è "meglio" per loro. Forse non sapete cosa è "meglio".
Forse sono più forti, più intelligenti, più pieni di risorse e potenziale di quanto abbiate mai ritenuto possibile. Forse ciò che è "meglio" per loro proprio adesso è non desiderare - nè necessitare - il vostro aiuto! Forse in realtà hanno bisogno di soffrire o lottare di più. Forse si stanno allineando e curando in un modo tutto loro.
Forse ciò che questo istante richiede è fiducia, e ascolto profondo, e profondo rispetto per il punto del viaggio in cui si trovano. Forse state solo cercando di aiutare voi stessi.Forse il vero cambiamento non si origina dal tentativo di imporre il cambiamento agli altri, ma da un allinearsi con il luogo in cui si trovano proprio adesso, dal dare libero corso a tutta l'intelligenza creativa del momento, dall'onorare l'unicità del loro percorso e il loro misterioso processo di guarigione. Quando cercate di cambiare qualcuno, gli state comunicando che così com'è non va bene, che rifiutate la sua esperienza presente e le opponete resistenza e la trovate spiacevole e volete che sia diversa. Potreste perfino comunicargli che non gli volete bene. Quando smettete di cercare di cambiarlo, e gli andate incontro così com'è, e vi allineate con la vita così come si presenta, un grande e inaspettato cambiamento è allora possibile, perché adesso siete veri amici ed alleati dell'universo.
Smettete di cercare di cambiare gli altri, ed essi cambieranno, oppure no, a modo loro, nei loro tempi perfetti.

Forse l'aiuto più grande sta proprio nel farsi da parte...

(Jeff Foster)

TwitterLinkedin